Trekking
Partecipa
Panoramica sul Monte Leone

Il circuito dell'ape Veglia

Dopo la salita in seggiovia all'Alpe Ciamporino, l'itinerario si snoda ad anello lungo facili sentieri o strade sterrate, permettendo una vera immersione nella ricca natura dei primo Parco Naturale istituito dalla Regione Piemonte (1978). 
La difficoltà di accesso all'Alpe, da sempre frequentata solo nel periodo estivo, ha mantenuto inalterati questi luoghi, dove baite in sasso ben conservate e alpeggi ancora curati ci ricordano i ritmi e i sapori di una vita antica di montanari allevatori.

Molto antiche sono anche le importantissime tracce rinvenute in occasione di scavi archeologici che hanno rivelato la presenza, in questi remoti luoghi, di uomini raccoglitori e lavoratori di cristalli di quarzo durante l'età della pietra, nel Mesolitico (circa novemila anni fa). 

Raggiunta l'Alpe ci si inoltra verso il "Pian dul Scricc", dove, si tramanda, fu firmato un trattato di pace dopo secoli di sanguinose battaglie tra i Vallesani e gli abitanti della Valle Divedro per la conquista e lo sfruttamento dei pascoli. Giunti nell'ampia conca pascolata di origine glaciale, la strada sterrata ci conduce ai piccoli gruppi sparsi di baite per poi ricondurci lugo la stretta gola dei Cairasca, a San Domenico.

 

Percorsi alternativi 
In Veglia sono possibili innumerevoli escursioni, tra cui consigliabili quella brevissima e suggestiva al Lago delle Streghe, 
quella panoramica al Lago dei Bianco, e l'itinerario di accesso all'Alpe Devero attraverso il Passo di Valtendra.

 

Cartografia: 
Carta Svizzera 1:50.000 Foglio Mischabel 
Carta KOMPASS 1:50.000 Fogli 88 Monte Rosa - 89 Domodossola 
Carta IGC 1:50.000 Foglio 11 Domodossola

operatori turistici

Con oltre 140.000 visite annue ossola.com è dal 1997 il portale turistico numero uno delle valli dell'Ossola. Se sei interessato ad avere visibilità su questo portale contattarci ora!