Trekking
Partecipa
Ingresso da Colloro

E' la traversata più frequentata della Val Grande. Non presenta difficoltà e consente di penetrare nel cuore settentrionale di questa area «wìl-derness», che è la più vasta zona selvaggia d'Italia. Si percorre un tratto della riserva naturale orientata del Mottac e si sfiora la riserva naturale integrale del Pedum.
Molto panoramico a Scaredi e alla Colma di Premosello, l'it. si sviluppa nella parte centrale tra le fitte boscaglie della foresta valgrandina. Viene percorso nei due sensi, ma è preferibile da Malesco perchè la quota di partenza in Valle Loana è superiore di circa 500 m a quella di Lut e di circa 1000 m a Colloro.

Laurasca

Cima della Laurasca e Cimone di Cortechiuso
quota partenza (m): 1250
quota vetta (m): 2195
dislivello complessivo (m): 1160
difficoltà: Esperti

Matogno

Traversata da Crego ad Altoggio
quota partenza (m): 781
quota vetta (m): 2499
dislivello complessivo (m): 1740
difficoltà: Escurisionisti

Alta formazza

Da Morasco ci si alza sulla strada sterrata che si innalza a sinistra verso il muraglione della diga, la si segue alzandosi verso il promontorio del Furculti. Arrivati al piccolo pianoro del Furculti si attraversano i prati, ripresa la strada di servizio dell’alpe con una diagonale verso destra ci si inoltra nella valle ove si incontrano le baite di Nefelgiù.

Panoramica sul Monte Leone

Il circuito dell'ape Veglia

Dopo la salita in seggiovia all'Alpe Ciamporino, l'itinerario si snoda ad anello lungo facili sentieri o strade sterrate, permettendo una vera immersione nella ricca natura dei primo Parco Naturale istituito dalla Regione Piemonte (1978). 
La difficoltà di accesso all'Alpe, da sempre frequentata solo nel periodo estivo, ha mantenuto inalterati questi luoghi, dove baite in sasso ben conservate e alpeggi ancora curati ci ricordano i ritmi e i sapori di una vita antica di montanari allevatori.

Val Buscagna alpe Devero

DURATA: TRE GIORNI 

PERIODO: LUGLIO-AGOSTO-SETTEMBRE

PARTENZA: San Domenico di Varzo ( 1384 m.), Val Divedro 
QUOTA VETTA: Scatta d’Orogna ( 2599 m.) 
DISLIVELLO: 2410 m.

Valle formazza - Rifugio maria Luisa

PARTENZA: Diga di Morasco m.s.l.m. 1815
ARRIVO: Rifugio 3A m.s.l.m. 2960
DISLIVELLO: m. 1145
DURATA: 5 h. 30 minuti

operatori turistici

Con oltre 140.000 visite annue ossola.com è dal 1997 il portale turistico numero uno delle valli dell'Ossola. Se sei interessato ad avere visibilità su questo portale contattarci ora!